Diagnosi del dolore all’articolazione sacroiliaca: Validità dei test individuali di provocazione e dei compositi di test

Laslett M, et al. Manual Therapy. 2005;10:207-218.

Abstract

Una precedente ricerca indica che l’esame fisico non può diagnosticare una patologia a livello dell’articolazione sacroiliaca (SIJ). Studi recenti non hanno riferito sensibilità e specificità di compositi di test di provocazione con affidabilità accettabile tra esaminatori. Questo studio ha esaminato il potere diagnostico dei test SIJ di provocazione del dolore singolarmente e in varie combinazioni, in relazione a uno standard di criterio accettato. In un disegno di validità correlato al criterio in cieco, 48 pazienti sono stati esaminati da fisioterapisti mediante test SIJ di provocazione del dolore e hanno ricevuto un’iniezione di anestetico locale all’interno della SIJ. I test sono stati valutati singolarmente e in varie combinazioni (compositi) per il potere diagnostico. Tutti i pazienti con una risposta positiva all’iniezione diagnostica riferivano dolore in almeno un test SIJ. La sensibilità e la specificità per almeno tre di sei test SIJ positivi erano 94% e 78%, rispettivamente. Le curve caratteristiche dell’operatore ricevitore e le aree sotto la curva venivano costruite per i vari compositi. L’area più ampia sotto la curva per due qualsiasi dei quattro test migliori era 0,842. In conclusione, compositi dei test di provocazione SIJ sono di valore nella diagnosi clinica di SIJ sintomatica. Tre o più test su sei o due test qualsiasi dei quattro selezionati avevano il migliore potere predittivo in relazione ai risultati delle iniezioni di blocco anestetico intra-articolare. Quando tutti i sei test di provocazione non provocano dolore familiare, è possibile escludere la SIJ come origine del dolore LBP corrente.