Riconoscimento di caratteristiche specifiche di dolore lombare non specifico

Bernard TN, Kirkaldy-Willis WH. Clinical Orthopedics 1987;217:266–80.

Abstract

Una revisione retrospettiva di 1293 casi di lombalgia tratta in un periodo di 12 anni ha rivelato che la sindrome dell’articolazione sacroiliaca e le sindromi delle articolazioni posteriori erano le sindromi dolorose più comunemente riferite, laddove i nuclei polposi erniati e la stenosi spinale laterale erano le più comuni lesioni da compressione della radice dei nervi. Le sindromi dolorose riferite si verificano quasi due volte più spesso e di frequente mimano la presentazione clinica delle sindromi di compressione della radice dei nervi. Lesioni combinate si verificano nel 33,5% dei casi. La stenosi spinale laterale e il nucleo polposo erniato coesistevano nel 17,7% dei casi. Nel 30% dei casi di spondilolistesi, i reperti radiografici erano incidentali e l’origine del dolore era l’articolazione sacroiliaca. Distinguere il dolore radicolare da quello riferito, il riconoscimento di lesioni coesistenti e la correlazione dell’imaging diagnostico con la presentazione clinica generale agevola la formulazione di un piano razionale di terapia. L’approccio sopra indicato per la gestione della lombalgia si è evoluto in un periodo di 12 anni. Progettato per stabilire una diagnosi specifica, dovrebbe portare a risultati eccellenti o buoni nell’84% dei pazienti.