Sicurezza ed efficacia della fusione dell’articolazione sacroiliaca minimamente invasiva in donne con dolore del cingolo pelvico posteriore persistente nel post-parto: risultati a 12 mesi da una studio prospettico, multi-centrico

SpringerPlus 2015;4:570.

Abstract

Il dolore del cingolo pelvico posteriore (PPGP) nel post-parto colpisce quasi il 20% di donne che soffrono di dolore alla schiena nel peripartum. L’articolazione sacroiliaca è una fonte di questo dolore nel 75% delle donne con PPGP persistente. Un sottoinsieme di donne non riuscirà a ottenere una diminuzione accettabile del dolore dalla matrice corrente di opzioni di trattamento non chirurgiche. Lo scopo di questo studio è quello di valutare la sicurezza e l'efficacia della fusione dell’articolazione sacroiliaca minimamente invasiva nelle donne con disfunzione dell’articolazione SI cronica il cui dolore è iniziato nel peripartum e i cui sintomi sono stati recalcitranti alla gestione non chirurgica. È stata condotta un’analisi per sottogruppi dei soggetti con lesione dell’articolazione sacroiliaca e/o malattie degenerative arruolati in uno studio prospettico, multi-centrico di fusione dell’articolazione SI. I soggetti con PPGP sono stati identificati e confrontati con donne senza PPGP e con gli uomini. Dei 172 soggetti arruolati, 52 erano maschi, 100 erano femmine senza PPGP e 20 femmine avevano la PPGP. I soggetti PPGP erano significativamente più giovani (43,3 anni, rispetto a 52,8 per le femmine senza PPGP e 50,5 per gli uomini, p = 0,002). Non vi erano differenze in qualsiasi altra misurazione demografica o clinica al basale. Le donne con PPGP hanno registrato un significativo miglioramento nel dolore (-51 mm su VAS), nella funzione (-20,6 punti su ODI) e nella qualità della vita (SF-36 PC +10,4, MCS +7,2, EQ-5D +0,31) a dodici mesi dopo la chirurgia. Questi miglioramenti sono stati caratteristici dei risultati dello studio generali; nessuna differenza è stata rilevata tra sotto-gruppi. L’articolazione sacroiliaca può essere una fonte di dolore in donne con PPGP persistente e dovrebbe essere investigata come “pain generator”. In questo studio, donne con dolore cronico all’articolazione SI accuratamente diagnosticato da PPGP recalcitrante alle terapie conservative hanno dimostrato miglioramenti clinicamente benefici nel dolore, nella disabilità e nella qualità della vita dopo la fusione minimamente invasiva dell’articolazione SI usando una serie di impianti con profilo triangolare rivestiti con spray poroso al plasma.

Parole chiave: Fusione dell’articolazione sacroiliaca, dolore del cingolo pelvico posteriore nel post-parto, disfunzione dell’articolazione sacroiliaca, lesione dell’articolazione sacroiliaca, sacro-ileite degenerativa

Informazioni sull'autore:

Robyn Capobianco*, Daniel Cher* e per il gruppo di studio SIFI

*Dipendenti attuali o ex dipendenti di SI-BONE, Inc., 3055 Olin Ave Suite 2200, San Jose, CA 95128, USA

Sostegno finanziario:

SI-BONE ha sponsorizzato lo studio clinico prospettico che ha fornito i dati sui pazienti con problemi all’articolazione SI qui descritti. Robyn Capobianco e Daniel Cher sono dipendenti di SI-BONE, Inc.